“Angeli caduti”, la bellissima serie contemporary romance di Angela White.

Salve a tutti e bentornati!!! Continuiamo a parlare di libri e oggi vi farò conoscere una serie che in questi anni mi sta tenendo compagnia e mi ha colpita molto. Si tratta della serie contemporanea “Angeli caduti” pubblicata da Amazon Publishing e scritta da Angela White, una delle migliori penne del romance italiano. Se avete girato un po’ per il mio blog avrete già trovato menzionato il nome di questa scrittrice, in quanto la sua saga di romance medioevali, Le profezie della strega scalza”,  è una delle mie saghe del cuore. Essendo una scrittrice capace di far emozionare con qualsiasi cosa metta su carta, è riuscita a farmi amare anche un piccolo gioiello del paranormal, genere che leggo pochissimo, “Qualcosa di stregato” pubblicato nei romanzi Mondadori Classic, e anche i contemporanei (il romance contemporaneo non è tra i miei generi preferiti, ne leggo veramente pochi e di poche autrici collaudate), per non parlare di quell’altro capolavoro di romanzo storico, scritto con il suo vero nome, (e non con il nome de plume) Lorena Bianchi , “Il profumo dell’oro” pubblicato da Rizzoli. Quindi è un’autrice che vi consiglio in tutte le sue vesti, per passare piacevoli ed emozionanti ore di lettura.

Ma andiamo a vedere ora, nel dettaglio, i 4 libri, che finora compongono questa serie degli Angeli caduti.

Due ali d’angelo tatuate sulla schiena e un inseparabile violino. Nicholas e le sue passioni contrastanti troveranno pace tra le braccia di Alice?
Nicholas Payne è uno dei più grandi violinisti di sempre quando, all’apice del successo, qualcosa nella sua vita va storto. Le sue grandi ali d’angelo, tatuate sulla schiena, sembrano non riuscire a sostenerlo nel suo volo. A ventisei anni, Nicholas decide quindi di cambiare vita, suonando Rumpelstiltskin, il suo Stradivari, per le strade di Londra.
Ed è nella capitale inglese che Alice lo ritrova, attratta da un’incantevole melodia alla fermata della metro. È proprio lui: il ragazzo che anni prima aveva conosciuto a New York, in occasione delle seconde nozze dei rispettivi genitori e del quale si era innamorata in maniera tanto maldestra quanto indimenticabile. Alice, che ora è diventata una chineur, un’esperta collezionista di oggetti di valore, sa riconoscere le virtù nascoste nelle persone, soprattutto in quel giovane bellissimo e dannato per il quale il suo cuore batte ancora.
Chissà se la sua tenacia basterà a risollevare l’angelo caduto, affinché torni a volare in alto sulle note del suo Rumpelstiltskin…

Poesia, magia, incanto.

Sono state le prime parole che mi sono venute in mente per descrivere questo libro. Ero rimasta sorpresa dal fatto che Angela White pubblicasse un contemporaneo, e ovviamente la cosa mi aveva incuriosito.
Appena iniziato il libro mi sono ritrovata con un racconto narrato in prima persona, uno stile che non gradisco molto, (che torna anche nei libri successivi, persino con punto di vista alternato, ma alla fine sono riuscita ad accettarlo e ora neanche ci faccio più tanto caso; potere dei libri che riescono a conquistarti!) quindi avevo delle  perplessità e un po’ la paura che non potesse piacermi, ma già dalle prime pagine sono rimasta conquistata. Il solito stile poetico e magico della White che racconta una storia delicata, una viaggio tra musica e arte, la potenza della musica e la sua magia, che può portare al paradiso, ma anche all’inferno, perchè la musica, il talento e l’esibirsi a certi livelli, spesso richiedono un prezzo da pagare…

Una storia delicata e romantica quella di Nicholas e Alice, lui talento precoce che con il suo violino Rumpelstiltskin riesce ad incantare le plateee di tutto il mondo, lei timida chineur, cercatrice di tesori perduti a cui da’ nuova vita nel suo negozio di antiquariato. Si conoscono giovanissimi, quando il padre di lui e la madre di lei, si sposano, e quindi vanno a vivere insieme. Ma Alice è la sorellastra di Nicholas e quindi per lui intoccabile, anche se quella ragazzina timida l’ha subito conquistato, nonostante lui sembri dimostrare antipatia e indifferenza per tutto ciò che lo circonda; e anche lei si è timidamente innamorata di lui. Nicholas oltre all’attrazione giovanile per Alice dovrà combattere contro altri demoni ben più pericolosi, e con un trauma infantile che ha segnato la sua vita e quella di suo fratello Liam, e sarà grazie ad Alice,- che riesce a scovare il valore nascosto delle cose, ma anche delle persone -, e che lo ritroverà casualmente a Londra, che riuscirà a ritrovare la sua serenità e di nuovo la sua strada.

Il libro in parte è anche ambientato nella nostra Verona, perchè Alice è di origine italiana, ed ha scelto la città di Giulietta per aprire il suo negozio di antichità.

E’ un libro che consiglio vivamente di leggere, mi ha tenuta incollata alle pagine e mi ha commosso in più di un frangente, delicato e poetico come solo questa autrice riesce a crearne.

L’amore può tutto, anche vincere il dolore
Due mani bellissime capaci di guarire e far soffrire. Liam e la sua oscurità sapranno accogliere l’alba insieme a Samantha?
William Payne è un neurochirurgo di fama mondiale a cui la vita sembrerebbe aver regalato tutto: denaro, rispetto, l’ammirazione degli uomini e i favori delle donne. Ma dietro questa facciata si celano una rabbia feroce e autodistruttiva e una fragilità che ha radici nel passato.Samantha Deveraux ha venticinque anni e si nasconde sotto le sue felpe extralarge, i jeans sformati e gli anfibi con i quali affronta il mondo a testa bassa. Solo davanti a un monitor di computer, tra numeri e codici, riesce a esprimersi veramente e ad allontanare il ricordo dei tradimenti che ha subito.L’incontro di Liam e Sammy a distanza di anni costringerà entrambi a mostrarsi all’altro senza maschere né difese.
Chissà se la volpe dagli occhi verdi riuscirà a liberare dalla sua gabbia l’angelo guerriero…

Nel libro precedente viene citato e appare qualche volta, Liam Payne il fratello maggiore di Nicholas, medico di fama, ma molto poco si era capito di lui, non era stato quasi per niente delineato ma il prologo del suo libro, che era inserito alla fine del romanzo precedente ci regalava delle pagine già esplosive!

In realtà però questo è stato il libro dell’intera saga che mi è piaciuto meno, avevo grosse aspettative su Liam e Samantha Deveraux, non dico che sia un libro brutto, ma non mi ha catturato come il precedente. Tra i due lei è il personaggio che mi è piaciuto meno, ho trovato tutte le sue insicurezze e tutte le sue paturnie un po’ troppo forzate, (a differenza di quelle di altre personaggi femminili come Alice, Amelia, e Esme), alla fine, quando la madre le rivela il segreto suo e di suo padre, mi è sembrato tutto un grosso equivoco che con poche parole e più onestà da parte loro, si sarebbe potuto risolvere, senza creare tutte quelle turbe nella ragazza. Lui invece con la sua “doppia vita” è sicuramente riuscito meglio come personaggio. Sono gradevoli i personaggi di contorno come il padre di Samantha e il suo compagno, che ritroveremo anche nel libro “Ti voglio per me” primo libro di un’altra saga, ispirata alla storia della Bella e La Bestia, in versione un po’ più “hot” (anche questo lettura davvero gradevole), e il  migliore amico di Sam, Jimmy, che vedremo anche nel libro successivo, con una tenera e delicata storia d’amore omosessuale. La cosa carina di questa saga è anche appunto i nomi e i personaggi  si intrecciano e si ritrovano nei libri successivi e anche l’inserimento di storie gay, raccontate con molta delicatezza. 

Come dicevo, questo è il libro che mi ha colpita di meno, anche se la scrittura è sempre pregevole e riesce a descrivere perfettamente gli stati d’animo dei protagonisti.

Finito il libro credevo che la serie, con i due fratelli Payne si fosse esaurita, e invece…abbiamo avuto altri due libri, due veri gioiellini.

Lei è come la luna, candida e solitaria. Lui è come il sole, bruciante e inarrivabile
Amelia Rossetti sogna di diventare chef, per questo si è trasferita a New York. Timida e riservata, ma con una grande forza d’animo, è decisa a farsi strada nel mondo e a contare solo su se stessa, ignorando le ferite che il passato le ha inferto.
Wolf McRoy è tormentato e affascinante. Scrittore di successo con mani da meccanico, possiede un carisma magnetico e lo sguardo disincantato di un uomo senza radici, in lotta con il destino.
Un’attrazione tanto imprevista quanto irresistibile sconvolgerà la vita di entrambi. Si cercheranno e si sfuggiranno, ma non potranno fare a meno l’uno dell’altra. E come in un’eclissi si incontreranno nel momento perfetto.

 

Con questo 3° volume ho ritrovato tutto quello che amo in questa autrice: personaggi fantastici, come lei solo riesce a crearne, una storia dolce e delicata, amore, sensualità, miscelate come sempre in maniera eccelsa. Wolf McRoy e Amelia Rossetti sono una coppia che faranno sognare tutti i lettori, lei con la sua dolcezza, che riuscirà ad ammansire il lupo, lui, con un carattere superlativo; Wolf è un vero uomo con gli attributi che non potrà non conquistare il cuore delle lettrici, mentre Amelia saprà conquistarci con la sua tenerezza, e la capacità di sfornare dolci deliziosi, il cui profumo e sapore ci sembrerà di sentire attraverso le pagine.

Wolf dovrà lottare per far capitolare la timida, ma tenace Amelia, ma anche per affermare il suo volere, ovvero quello di essere libero e di proseguire la sua professione di scrittore, senza dover cedere ai “ricatti” di chi lo vorrebbe in un ruolo che non sente suo. Cosa che scatenerà le ire del suo “antagonista” Jackson, il protagonista del libro seguente, che in questo ci viene presentato appunto  come rivale di Wolf. Un vero str**** patentato, Jakson, che però si svelerà non essere quello che può sembrare all’inizio, anzi… (ne parlerò in seguito, perchè Jax è il personaggio che più ha conquistato il mio cuore), ma non dico di più per non rovinare il colpo di scena finale, che mi ha tenuta inchiodata alle pagine del libro, con la voglia di sapere cosa sarebbe accaduto, ma anche il dispiacere di finirlo.

Come ho detto, verranno presentati nuovi personaggi, come la famiglia King, tra cui appunto i gemelli Jackson e Crystal, che a differenza del gemello, è molto affezionata a Wolf, ma ritroveremo anche i Payne, infatti la società dei King avvierà una partnership con l’ospedale gestito dai Payne e i personaggi incroceranno le loro strade..

Un altro libro che mi ha davvero affascinata e come accade spesso, lasciata con una sensazione di benessere, alla fine della lettura.

Tra odio e amore c’è una linea sottile. Ancora più sottile è quella tra odio e desiderio
Jackson King è come il vento: può essere dolce brezza o feroce tempesta. Esmeralda Wax è vivace, anticonformista, fedele a se stessa e alle sue convinzioni.
Jackson ed Esme si detestano e si attraggono sin dai tempi del liceo, quando lui era il Re della scuola, bellissimo, ricco e ammirato, e lei la ragazza strana, emarginata e irrisa.
Anni dopo, Esme è diventata un’assistente universitaria e Jackson il presidente della multinazionale high-tech di famiglia. In comune hanno solo il grande affetto per la sorella di Jackson, Crystal. Finché una folle notte a Las Vegas sconvolge il corso del destino, costringendo entrambi a un accordo dalle conseguenze sensuali e imprevedibili. E sarà impossibile tenere al sicuro il cuore…


Con “Il principe del vento” siamo arrivati all’apice di questa saga, almeno nei miei gusti personali, anche se è sempre difficile fare delle classifiche. Forse è quello che mi è piaciuto più di tutti, ho amato tutto di questo libro fine dalle prime righe. Avevamo già incontrato i protagonisti, Jackson King e Esmeralda Wax nel libro precedente, e avevamo già capito che sarebbero state scintille. Due caratteri opposti, che si scontrano e si stuzzicano fin dagli anni del liceo: Jackson, è il ragazzo più osannato della scuola, bello, ricco, sportivo, affascinante, un vero mito, mentre Esme è la ragazza stramba, dalla lingua tagliente, che non esita a dire tutto quello che pensa e a farsi portavoce degli alunni bistrattati della scuola, anche se spesso queste battaglie le deve portare avanti da sola. Esme diventa il bersaglio delle angherie di Jackson, che non esita ad affibiarle il soprannome di Goblin, a causa degli occhi di colore diverso di Esme. L’unica cosa che hanno in comune i due è l’affetto per Crystal, la fragile e dolce sorella gemella di Jackson e amica di Esme.
Anni dopo la fine del liceo, i due, a causa di una folle notte a Las Vegas si troveranno a dover stringere un patto, e niente sarà più come prima… Un libro che si legge tutto d’un fiato, e che ti lascia quella sensazione di piacevolezza dentro, come un gustoso cioccolatino. I protagonisti non sono mai banali, entrambi, con le loro differenze sentono il peso di due famiglie e ambiscono ad essere apprezzati dai loro genitori, e nascondono queste loro insicurezze dietro due caratteri diversi, ma a modo loro forti, e che sono riusciti a costruirsi una vita e una carriera di tutto rispetto. Ma le loro insicurezze e l’evolversi dei loro sentimenti li viviamo pagina dopo pagina, vengono sviscerati dall’autrice con la sua solita capacità di descrivere i sentimenti con grande poesia.
Ho amato tanti passaggi di questo libro, su tutti, la fuga in barca di Jackson e Esme, ma ancora di più la scena in cui Jackson trova rifugio dall’odiato ex-“nemico” Wolf, dopo un evento importante della loro vita (non dico oltre per non spoilerare troppo sia di questo libro,ma soprattutto del precedente :p); ho veramente adorato quelle poche pagine, e vedere così vicini questi due personaggi così diversi eppur fantastici entrambi, che nel libro precedente non facevano altro che suonarsele.
Come dicevo ho amato molto i due protagonisti, Jackson in particolare, fin dal libro precedente, come ho detto nonostante si presentasse come un vero str****, si era capito che in fondo in fondo avesse un cuore (per  certi versi Jackson mi ricorda tanto il mio amato Tony Stark :p ), quel cuore che cadrà irrimediabilmente innamorato della piccola, insicura, ma battagliera Goblin, anche lei un personaggio che ho amato tantissimo, una nerd di antichità classiche(come posso non amarla?), che vorrebbe essere accettata dalla sua famiglia, e che non vuole che si scenda a compromessi, per coprire delle falsità, neanche per amore.
Finito questo libro mi sono sentita un po’ orfana, ma dopo le ultime pagine ci rimane la curiosità per la storia di Crystal, e sono certa che anche qui ne vedremo delle belle, e quindi non ci resta che aspettare il prossimo volume di questa splendida serie.

(E chissà, magari ne avremo anche altri di libri, magari su Alexander, il fratello di Esme? Beh, questo vorrebbe dire che avrei ancora tanti bei libri da leggere!😏)