15 anni di Supernatural; una delle serie che più ho amato è giunta al termine.

Salve a tutti!!!Dopo un po’ di settimane di silenzio eccomi qui di nuovo. Con l’articolo di oggi non voglio fare una vera e propria recensione ad una serie tv che si è conclusa una settimna fa, ma piuttosto un omaggio, ad una serie che, a dire la verità, negli ultimi anni non mi piaceva più come prima, ma che ora che è giunta al suo epilogo, mi sono resa conto che mi mancherà.

Sto parlando di Supernatural, una serie tv che è andata in onda per ben 15 stagioni, e che scherzando con gli amici che la seguivano come me, ero solita dire che non sarebbe mai finita e che saremmo invecchiati insieme ai fratelli Winchester. Per chi non la conoscesse, Supernatural è una serie sci-fi, che ha per protagonisti due fratelli Dean e Sam Winchester, cacciatori di demoni.

I miei sentimenti per questa serie sono molto cambiati durante il corso delle stagioni, ma non so neanche io spiegarmi il perché, non l’ho mai abbandonata come è successo con altre serie (vedi The Walking Dead o Outlander ad esempio, serie che ho amato tanto,ma che ad un certo punto ho mollato). Con Supernatural è stato diverso: le prime 5 stagioni per me sono state il top, un arco narrativo quasi perfetto, che si era concluso con un finale abbastanza soddisfacente, anche se aperto ad un possibile proseguimento.E infatti così è stato. Stavo rileggendo qualche recensione di una decina di anni fa, mamma mia quanto scrivevo male :p a volte neanche correggevo gli articoli, e poi erano più deliri di una fan girl che recensioni vere e proprie, ma erano il segno che la serie mi prendeva davvero tanto, come si dice; “ci stavo proprio in fissa”, facevo teorie, riflessioni, aspettavo ogni puntata con impazienza. Dopo la sesta stagione devo dire che la passione era un po’ scesa, la serie a mio avviso era diventata ripetitiva, e in certi frangenti davvero assurda, però non l’ho mai mollata, ogni settimana ero lì a guardare gli episodi una stagione dopo l’altra, anche se non teorizzavo più come prima, subivo piuttosto passivamente le puntate che scorrevano; a volte preferivo più le puntate filler che quelle della mitologia, e mi era successa la stessa cosa con X-files: l’allungarsi delle stagioni mi aveva fatto venire a noia la mitologia della serie, e preferivo puntate a se stanti. Fare un riassunto di quello che è successo ai fratelli Winchester nel corso delle stagioni sarebbe davvero troppo lungo, ne sono successe davvero di ogni tipo e tanti altri personaggi hanno attraversato la loro strada e sono entrati a far parte del mondo di Supernatural.

La serie si sarebbe dovuta concludere a maggio, ma causa covid, le ultime 8 puntate sono andate in onda ora a partire da ottobre. E’ stato un distacco un po’ particolare, e forse anche la situazione attuale me l’ha fatto vivere con un po’ di malinconia. E’ vero che scherzavo sempre dicendo: “Oh, finalmente finirà, non se ne poteva più!”, ma adesso, a quasi una settimana dalla fine , mi sento un po’ orfana e mi mancheranno davvero tanto le avventure dei fratellini.
Come ho detto, non vi farò una recensione della serie o dell’ultima stagione, sarebbe troppo lungo e difficile riennodare tutti i fili della trama, voglio solo parlare delle impressioni che mi ha lasciato il finale di stagione, senza entrare troppo nei dettagli della storia, ma comunque avverto che da qui in poi ci sono grossi spoiler sulla puntata finale. Innanzi tutto è stato un finale particolare: l’arco narrativo delle ultime stagioni, ovvero la lotta contro Dio\Chuck, si è conclusa con la penultima puntata, che infatti aveva lasciato più di un fan perplesso chiedendosi: “Ma è la puntata finale? E nell’ultima cosa vedremo?” anche a causa di un montaggio in cui abbiamo rivisto quasi tutti i protagonisti della serie (montaggio a dire il vero un po’ frettoloso, alcuni non facevo neanche in tempo a riconoscerli). Ecco, arriva poi l’ultima puntata dove sembra che tutto fili per il meglio, i due fratelli tornano a cacciare esseri malefici, come all’inizio, solo loro due (hanno perso molti amici nel corso della serie, ma altri ne erano rimasti, e sinceramente qui ho trovato un po’ carente il finale, non far vedere determinati personaggi, o solo farci intuire che c’erano ancora, ma forse anche per colpa del covid, non hanno potuto girare come avrebbero voluto), ma succede quello che durante tutta la serie Dean ha sempre detto; ovvero, durante una caccia, per salvare dei bambini da alcuni vampiri, viene ucciso. La scena della sua morte è stata molto commovente, l’addio a Sam, le loro ultime parole, ma devo dire che ero davvero incredula che avessoro fatto morire il mio personaggio preferito così, dopo tutto quello che avevano passato!!! La puntata poi prosegue con Dean che arriva in paradiso, dove ritrova Bobby(quanto mi ha fatto piacere rivederlo, il Bobby originale, quello che è stato come un 2° padre per i Winchester, e non Bobby di altri mondi paralleli!!), che gli dice che lì ormai le cose vanno benissimo, che ci dà notizie su altri personaggi (Castiel, Mary e John Winchester , Jack, new entry delle ultime stagioni, ma fondamentale per la trama, altri cacciatori come Rufus, amico di Bobby visto nelle prime stagioni, ma mi sarebbe piaciuta però una menzione per Jo e Ellen) e sappiamo che ora sono lì e sono tutti insieme finalmente felici, anche se non vediamo nessuno di loro (vi ricorda un po’ Lost questo finale? In effetti si). Nel frattempo Sam prosegue la sua vita, si sposa( non sappiamo con chi), ha un figlio che chiamerà Dean, e che si capisce dal tatuaggio che vedremo nel finale, probabilmente proseguirà le orme di famiglia, invecchia e muore, e si riunisce al fratello in paradiso(per Dean è come se fosse passato pochissimo tempo, il tempo di una corsa sulla sua amata” Baby” la Chevrolet Impala del 67, che è stata , soprattutto nelle prime stagioni, protagonista al pari dei fratellini). Allora, devo dire che all’inzio questo finale mi aveva un po’ spiazzata, ma ragionandoci a freddo non è stato così brutto. E’ finito come è stato sempre predetto dalle parole dei fratelli, Dean sarebbe morto cacciando, e Sam si sarebbe fatto una vita, e poi si sono ritrovati, loro due, così come era iniziato, solo loro due. Però sinceramente io avrei preferito che Dean morisse un po’ più vecchio, ecco :p . Magari vedere il fratello farsi una vita, conoscere il nipote, e perire durante una caccia sempre per salvare qualcuno, ma un po’ più tardi. Sembrava che finché ci fosse stato Dean, Sam non avrebbe potuto farsi una vita sua. In effetti, il rapporto tra i fratellini è stato sempre il fulcro della serie, ma a volte mi è sembrato un po’ troppo esagerato, e a dire la verità tutte le belle parole anche sui loro amici, che erano la loro nuova famiglia, mi sono sembrate sempre un po’ vane, perché si è visto in più occasioni che entrambi non avrebbero esitato a sacrificare chiunque pur di salvare uno dei due. Sicuramente lo spirito di abnegazione e di sacrifico verso gli altri lo hanno incarnato di più Castiel e Jack. Comunque, ormai la serie è andata, con un finale che possiamo definire dolce amaro, ma con almeno una sua certa logica, a differenza di altre serie (Trono di spade, mi senti? :p ).

La cosa che comunque mi è piaciuta tanto, e che mi ha fatto scendere una lacrimuccia, sono stati i saluti finali e il ringraziamento ai fan, di cui vi lascio il video qui sotto.(video che più riguardo e più mi commuove 😦 ) A memoria non ricordo una serie che abbia fatto lo stesso.

Si, ok, dicevo sempre : “basta, non se ne può più di Supernatural, mi hanno stancata!!” eppure venerdì, mi mancherà davvero tanto non vedere la puntata e mi mancheranno terribilmente i fratellini Winchester. 15 anni, 15 anni di avventure ai limiti dell’impossibile, anche se spesso ripetitive, 15 anni di risate, lacrime ed emozioni. Grazie Supernatural, grazie Dean e Sam, grazie a tutti i protagonisti di questa serie! E’ stato davvero bello viaggiare insieme a voi!!!

Published in: on 25/11/2020 at 15:36  Lascia un commento