Di penna e di spada: le donne del Risorgimento. Anita Garibaldi,l’eroina dei due mondi.

Salve a tutti!!! In questo periodo, sto preparando un percorso che mi porterà insieme all’Associazione Culturale Cinema e Storia, e all’Associazione I sentieri delle muse, (che ringrazio per avermi dato questa possibilità), a ripercorrere e illustrare le gesta e le storie delle donne del Risorgimento italiano con vari incontri, visite guidate, percorsi museali e passeggiate, sperando sempre di poter fare tutto quello che abbiamo in programma e di non essere bloccate dagli eventi. Sarà un percorso articolato in vari incontri, molti nomi, più o meno conosciuti sono stati presi, e sono ancora da prendere in considerazione, e verranno analizzati durante il nostro percorso. Tratteremo delle donne del popolo, che combatterono attivamente, ma anche nobili, che nei loro salotti letterari diedero asilo ai patrioti e si prodigarono per l’unità d’Italia. Ho pensato di riportare qui nel blog le storie di queste donne, a partire dalle prime che ho preso in considerazione per il primo incontro che dovrebbe tenersi ai primi di luglio al Gianicolo, (una passeggiata dalla statua di Anita Garibaldi, al Mausoleo Ossario Garibaldino), donne legate alle imprese garibaldine, come la difesa della Repubblica Romana, la spedizione dei Mille, e il tentativo della presa di Roma da parte di Garibaldi nel 1967. Il titolo del percorso che abbiamo scelto con le associazioni è appunto: Di penna e di spada:le donne del Risorgimento.  Nella nostra passeggiata i nomi che illustrerò e che riporterò qui nelle prossime settimane saranno quelli di Anita Garibaldi, Colomba Antonietti Porzi, Rosalie Montmasson, Antonia Masanello, Giuditta Tavani Arquati ed Enrichetta De Lorenzo. Spero che vi faccia piacere seguire questa nuova avventura.

Il primo personaggio di cui vi parlerò non poteva che essere l’eroina di tutte le eroine risorgimentali, ovvero Anita Garibaldi. Ecco un sunto della sua storia tra leggenda e realtà.

Il suo nome completo è Ana Maria de Jesus Ribeiro da Silva. Nacque nel 1821 a Morrinhos in Brasile e morì a Mandriole di Ravenna il 4 agosto 1849. Figlia di un mandriano, nacque in una famiglia numerosa, che però perse il padre e tre fratelli maschi per un’epidemia di tifo poco dopo essersi trasferiti a Laguna, nel 1834. Fin da giovane ebbe un carattere emancipato e ribelle, suscitando a volte anche scandalo presso la sua famiglia, per le sue azioni: ad esempio non si curava di fare il bagno nuda, e una volta picchiò e denunciò un giovane ubriaco che tentò di avvicinarla rudemente. Fu uno zio ad iniziarla ai discorsi politici e alla giustizia sociale, in un Brasile oppresso dal pugno duro dell’impero. La madre, per cercare di calmare l’irruenza di Ana e per togliersi una bocca da sfamare, a soli 14 anni, la diede in sposa a Manuel Duarte de Aguilar, un calzolaio.  

In quello stesso anno, nel 1835,in Brasile scoppiò la rivolta dei farrapos, gli straccioni, evento che segnò profondamente l’animo di Anita, che sognava di unirsi ai rivoltosi e compiere le loro stesse gesta. Quattro anni dopo, i ribelli conquistarono momentaneamente Laguna, e Anita assistette alla loro entrata in città. Tra quegli uomini c’era anche Giuseppe Garibaldi. Il loro fu un vero e proprio colpo di fulmine, e il giorno dopo, quando si incontrarono nuovamente, Garibaldi, come ricorda nelle sue Memorie, le disse: «Devi essere mia». Questa frase, pronunciata in italiano (lui non conosceva ancora bene il portoghese), la legò all’uomo per sempre. Anita abbandonò il marito, si legò a Garibaldi, che lei chiamava Josè, divenendo la madre dei suoi figli e compagna di molte battaglie, e rocambolesche avventure come la fuga a cavallo (il saper cavalcare la salvò molte volte) solo 12 giorni dopo la nascita del figlio, che la portò a sfuggire alla cattura da parte dei soldati imperiali nell’accampamento di Sao Luis. A questo episodio si rifà la scultura di Mario Rutelli posta in sua memoria al Gianicolo, mentre nei 4 pannelli laterali del monumento vediamo altre scene di vita di Anita: i due pannelli posti a est e sud compongono un’unica scena, dove Anita guida una formazione di soldati in marcia nelle Pampas. Il pannello posto a ovest rappresenta Anita alla ricerca del corpo di Garibaldi tra i caduti della battaglia di Curitibanos, dove si credeva che l’Eroe dei due mondi fosse stato colpito, e anche qui Anita, grazie alla sua furbizia e al saper cavalcare, inganno’ i soldati nemici e riuscì a fuggire  dal campo di battaglia (allora era incinta del figlio, l’episodio avvene poco prima del parto e della fuga di cui parlavamo precedentemente). Il pannello posto a nord raffigura invece Anita sorretta da Garibaldi, durante la fuga nelle Valli di Comacchio, dove trovò la morte.

Anita e Giuseppe si sposarono nel 1942 in Uruguay, Garibaldi dovette dichiarare formalmente di aver avuto notizia della morte certa del precedente marito di Anita. Dalla loro unione, come abbiamo visto, già era nato Menotti, e seguirono Rosita nel 43, che morirà a soli due anni, Teresita nel 1845 e Ricciotti nel 1847.

Saputo delle rivolte rivoluzionarie in Europa, Anita e Giuseppe salparono il 27 dicembre del 1847, alla volta di Nizza, dove viveva la madre del generale.

Quando il 9 febbraio 1849 a Roma avviene la proclamazione della Repubblica Romana, Garibaldi  raggiunse la città con un corpo di volontari raccolti tra le città dell’Italia centrale; Anita avrebbe potuto rimanere al sicuro a Nizza coi suoi figli, ma  decise di raggiungere il marito a Roma, mossa dalla condivisione degli stessi ideali, ma forse anche da quella gelosia che, a parere unanime dei biografi, la attanagliava.

Il 30 aprile, nel frattempo, arrivano davanti a Roma i soldati del corpo di spedizione francese guidato dal generale Oudinot , inviato dalla Francia per rimettere Pio IX sul trono, e subiscono una sonora sconfitta da parte dei volontari romani davanti alle mura di Roma, tra Porta Cavalleggeri e Porta San Pancrazio, lasciando sul terreno centinaia di morti e decine di prigionieri.

Viene stabilita una tregua che scadrà il 3 giugno, durante la quale Ferdinand de Lesseps (lo stesso che anni dopo dirigerà i lavori per il canale di Suez) viene incaricato di trovare un accordo con la Repubblica. Ma si tratta solo di un inganno dei francesi per guadagnare tempo e fare arrivare altri rinforzi dalla Francia. E’ proprio in questo contesto che avviene l’ultimo viaggio di Anita– da Nizza a Roma – e lo compirà in giugno. Era incinta di quattro mesi e la Repubblica Romana era già ai suoi ultimi giorni, perché Pio IX aveva chiesto aiuto agli eserciti spagnolo, francese e borbonico.

Da un racconto di Alexandre Dumas, che seguì e scrisse delle imprese di Garibaldi, si apprende che Anita apparve davanti al marito che, fra lo stupore, il dispiacere e la gioia di vederla in una circostanza così drammatica, la presenta con queste parole: «Questa è Anita, ora avremo un soldato in più!».

Quando riprenderanno i combattimenti, la preponderanza francese è netta e, nonostante la strenua resistenza sul Gianicolo, a poco a poco le forze della Repubblica Romana perdono terreno finché, il 4 luglio 1849, viene decisa la resa.

Garibaldi, insieme a coloro che vogliono seguirlo decise di raggiungere Venezia, che ancora si oppone agli austriaci e lottare per la causa veneziana, ma è inseguito dagli uomini di quattro eserciti. A San Marino, territorio neutrale, scioglie la brigata dei suoi volontari, e solo con Anita e pochi uomini che lo seguono cerca di raggiungere la città lagunare. Anita, incinta e febbricitante, non ce la fa più e nelle valli di Comacchio, con gli austriaci e i soldati papalini alle costole, sono costretti a fermarsi presso una fattoria, dove Anita morirà il 4 agosto del 49. Fu sepolta in fretta e furia, e qualche giorno dopo il suo corpo fu trovato casualmente da alcuni ragazzini e sepolto nel cimitero di Mandriole.

Dopo anni, finita la II guerra di Indipendenza, Garibaldi e i suoi figli portarono il suo corpo a Nizza, città natale dell’eroe, ma nel 1932, quando fu inaugurato il suo monumento al Gianicolo, il governo italiano richiese al governo francese che le spoglie di Anita riposassero sul Gianicolo.

 

The URI to TrackBack this entry is: https://angolinodichiara.wordpress.com/2020/06/21/di-penna-e-di-spada-le-donne-del-risorgimento-anita-garibaldi/trackback/

RSS feed for comments on this post.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: