Gran Ballo di Carnevale.

Sabato passato era sabato grasso, giorno clou del carnevale. Quest’anno l’ho festeggiato in maniera veramente strepitosa!!!Vista la mia passione per la rievocazione storica e gli eventi degli ultimi due anni a cui ho partecipato, ho avuto la fortuna di conoscere persone che amano questo tipo di eventi e così ho proposto di partecipare al Gran Ballo di Carnevale tra epoche, che si è tenuto all’Hotel St, Regis a Roma. Il ballo è organizzato dalla Compagnia di danza storica, una compagnia storica che da più di vent’anni tiene corsi di danze dell’ottocento, organizza Gran Balli e il suo corpo di ballo ha partecipato a grandi manifestazioni nazionali ed internazionali. In genere i Gran Balli che organizzano sono sempre in stile ottocentesco con abiti con crinolina e sono dedicati ovviamente a chi sa già ballare queste danze, mentre il ballo di Carnevale è aperto a maschere di epoche diverse e il maestro di cerimonie introduce e indica i passi delle danze, quindi anche chi è poco pratico può danzare insieme agli altri invitati.(La stessa formula dei tè danzanti che sono accessibili anche ai neofiti).

E’ stata davvero una bellissima esperienza, l’hotel e la sala da ballo erano veramente spettacolari, l’albergo,uno dei più belli di Roma, si trova in un  palazzo risalente al 1894 che invita a scoprire la sua collezione di opere d’arte e antiquariato, una scalinata con stucchi realizzati a mano, gli scintillanti lampadari di cristallo di Murano e la Sala da ballo Ritz, maestoso simbolo della Belle Époque,e gli invitati, in questo salone da sogno, vestivano abiti di epoche più svariate, dal medioevo, ai primi 800 con lo stile impero e regency, dal 700 fino all’ottocento più inoltrato. Inoltre i balli sono stati molto belli, e alcuni così semplici da poter permettere a tutti di ballare, sulle note di mazurke, polke, e valzer della miglior tradizioni. Intermezzi tra un ballo e l’altro sono state le esibizioni della City of Rome Pipe Band e l’Accademia di Danze Irlandesi Gens D’Ys, che hanno suonato e danzato musiche scozzesi e irlandesi, l’esibizione di danze barocche, e degli sbandieratori di Cori, il tutto condito da un buffet di dolci e poi la cena. 

E’ stata veramente un’esperienza meravigliosa, sembrava di essere in un film in costume o in un libro, in un’atmosfera da sogno che ancora oggi a tre giorni di distanza non riesco a dimenticare. Già da ora posso dire che il prossimo anno, se tutto va bene, mi piacerebbe rifare questa esperienza, che consiglio davvero a chi ama questo tipo di eventi.Per una volta si smettono i panni moderni, e per qualche ora si vive in un’atmosfera magica che ci fa dimenticare tutto il mondo che ci gira intorno e ci catapulta in un sogno ad occhi aperti.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Published in: on 09/02/2016 at 20:25  Lascia un commento