Visita a Villa Pamphili:il Casino del Bel Respiro.

Villa Doria Pamphili è uno dei parchi più grandi di Roma,a volte ingiustamente offuscato dalla fama di Villa Borghese,180 ettari di verde immersi nella citta eterna,ma soprattutto per chi è di Monteverde è “la villa” il parco dove si va a giocare fin da piccoli,dove si fanno i pic-nic,le partite di calcio,lunghe passeggiate in bici e a piedi(una volta c’erano anche “i cavallini” come dicevo quando ero piccola,i pony che si potevano affittare per brevi paseggiate). Ci ho passato la mia infanzia e la mia adolescenza a Villa Pamphili e spesso durante le mie passeggiate e scampagnate mi soffermavo incantata a guardare la Villa vera e propria,la casa padronale,che dall’esterno è visibile,con i suoi meravigliosi giardini,ma non era visitabile al suo interno. La villa attualmente è sede di rappresentanza della Presidenza del Consiglio ed è visitabile solo con visite guidate. Ieri mattina,grazie ad una mia amica che lavora come guida turistica, che ha organizzato questa visita, finalmente dopo anni sono riuscita a realizzare il sogno di vederla dall’interno. La villa padronale è anche conosciuta come Casino del Bel Respiro o Algardi, dal nome di Alessandro Algardi,l’architetto che insieme a Francesco Grimaldi lo realizzò. L’opera realizzatanel 1644-48,presenta una pianta di tipo palladiano, con un grande salone circolare centrale e alto due piani.Al piano inferiore si trovano un vestibolo e una sala rotonda, con magnifici stucchi sulla volta e sculture classiche alle pareti che si apre su 2 importanti gallerie : quella dei costumi romani, decorata nella volta con raffinati stucchi e quella di Ercole. Le due sale laterali hanno semplici decorazioni in stucco sulle volte, mentre la sala, con vista sul giardino segreto, riporta sulla volta un pregevole affresco riquadrato da modanature architettoniche. Di gusto seicentesco sono anche i meravigliosi giardini a labirinto, il Giardino Segreto, perchè dall’ingresso principale della villa (che ha una magnifica vista su Roma e su San Pietro) non era visibile,ma rimaneva nascosto dalla mole del complesso e fruibile solo ai padroni di casa ed è appunto accessibile dal piano inferiore. Invece, a pensare che ai nostri giorni,dalla bella scalinata esterna che sale dalla vallata sottostante verso la pineta i giardini sono la prima cosa che vediamo.E quantevolte ho sognato di poter scendere all’interno e visitarli!!!  Il Casino fu voluto dal nipote del papa Innocenzo X, il raffinato principe Camillo Pamphili,figlio del fratello del Papa ovvero Pamfilio Pamphili e di Olimpia Maidalchini,la famigerata Pimpaccia, all’epoca una delle donne più potenti di Roma, grazie alla sua chiacchierata “vicinanza” al cognato. Il principe si fa realizzare una villa che riprende i gusti dell’epoca, apportando al suo interno e anche al suo esterno fregi e marmi antichi o riproduzioni di esse,che in qualche modo ricordassero nella loro iconografia la storia, il potere e le gesta dei Pamphili. La villa fu ristrutturata poi nel ‘700 e ai primi del ‘900, quando furono anche sitemati dall’architetto Busiri Vici i viali circostanti e aggiungendo anche la chiesina, attualmente visitabile il sabato nell’orario della messa pomeridiana e sotto la quale si trovano le tombe dei Pamphili. La villa, oltre ad essere ricca della storia del suo periodo fu anche teatro degli eventi della Repubblica Romana e della battaglia contro le truppe di Napoleone III.  Ma sotto i nostri piedi, quando camminiamo per Villa Pamphili ci sono anche altri moltissimi tesori e reperti di epoca romana. Infatti ieri dopo la bella visita al casino, a sorpresa ci hanno permesso di visitare anche gli scavi della Sopraintendenza ai Beni Culturali, riguardanti alcuni colombari (le tombe comuni) di epoca romana. Devo dire che sono stata molto contenta di questa improvvisata, e sono rimasta affascinata soprattutto dal colombario detto di Scribonio, che conserva un pavimento musivo molto bello e delle pitture parietali con i simboli della vita eterna, come i pavoni e altri volatili, frutti paradisiaci,festoni e ghirlande decorative che conservano colori freschi e vivaci come se fossero stati dipinti da poco.

E’ stata davvero una bella visita, e fa sempre piacere scoprire questi tesori che abbiamo sotto gli occhi da una vita,ma che ahimè sono poco accessibili per ovvi motivi.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Annunci
Published in: on 05/05/2013 at 13:24  Lascia un commento  

The URI to TrackBack this entry is: https://angolinodichiara.wordpress.com/2013/05/05/visita-a-villa-pamphiliil-casino-del-bel-respiro/trackback/

RSS feed for comments on this post.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: