Un amore scandaloso,Lorraine Heath- L’angolo del romance

Lui farebbe di tutto per proteggerla… Anche allontanarla da sè

Rhys, marchese di Blackhurst, per soddisfare il desiderio del padre morente invita nella residenza inglese il fratellastro Grayson, che quindici anni prima si era trasferito nel Texas. Non si aspetta certo che la figliastra di Grayson sia una ragazza bella e piena di vita come Lydia. Rhys sente subito di dover mantenere le distanze da lei: certo sarebbe perfetta, però la sua fama di libertino, e soprattutto l’orrendo segreto che lo tortura, non potrebbero che rovinarla e questo lui non può permetterlo. Ma Lydia è anche un’anima gentile, capace di perdonare…

Tra tante autrici di romance vecchie e nuove,tra quelle che sto scoprendo pian piano e quelle che sono già una certezza, Lorraine Heath è sicuramente una di quelle che potrei definire una garanzia, nonché una delle mie preferite in assoluto.Ho già parlato di due suoi romanzi Amore per sempre e Prendimi e portami via di cui potete trovare le recensioni) che mi hanno molto colpito,per la dolcezza dei modi e lo stile semplice ma curato nel descrivere la psicologia dei personaggi.Le storie e i personaggi della Heath si intrecciano nei vari libri,perché questi fanno parte di alcune serie collegate tra loro,ma ognuno è leggibile a se ,senza alcun problema.La Heath ama ambientare i suoi romanzi tra l’Inghilterra sfavillante dei balli (corredati di  pettegolezzi e scandali) dell’epoca Vittoriana e le assolate praterie di Fortune, cittadina del Texas,da cui proviene proprio la nostra protagonista Lydia.
Lydia è la figliastra di Grayson, figlio illegittimo di un Lord, che viene richiamato dal fratello minore Rhys-destinato ad ereditare-nel momento in cui il padre ormai gravemente malato sta per passare a miglior vita.

Tra Lydia e Rhys è subito attrazione,ma lui è un uomo tormentato da un passato in cui non vorrebbe che la giovane e sognatrice Lydia fosse coinvolta.Lei invece vede in Rhys tutto quello che aveva sempre sognato da quando era Fortune, dove però non si sentiva di appartenere,ma lui pur non essendo indifferente alla ragazza fa di tutto per allontanarla da se. Rhys è un personaggio che non può non restare nel cuore delle lettrici: è un uomo tormentato, e  si carica del suo tormento in pieno, non volendo nessun altro al suo fianco; si ritiene immeritevole di tutto quello che ha, vuole essere solo a portare il peso del suo passato e non vuole coinvolgere le persone che ama. E’ un protagonista che sa anche piangere cosa che non si trova in tutti i romanzi, anzi sono piuttosto rari, e questo suo aspetto fragile e tenero,risoluto nella sua convinzione di non essere un uomo per bene mi ha colpita molto. Lydia è una grossa tentazione per lui ,con la sua innocenza e la sua freschezza e la ferrea convinzione che Rhys non sia poi così immeritevole come ritiene lui e che ogni sua colpa possa essere perdonata.Ma questa volta il peccato e il suo passato sono davvero grandi(a volte abbiamo dei protagonisti che si tormentano per tutto il libro per cose che alla fine si rivelano sciocchezze,ma qui lo scandalo è davvero bello grosso) e Lydia dovrà mandare giù un boccone molto amaro.Ma il suo  è  un cuore generoso che riesce a perdonare e comunque capire il perché delle azioni di Rhys,e la scena più bella del romanzo,quella del ballo,in cui lui affronta il biasimo di tutta la società londinese e lei dovrebbe stargli lontana per salvare la sua reputazione è una delle più belle ed emozionanti che abbia mai letto. Lydia non può abbandonarlo,lì da solo ad affrontare il finto perbenismo di quella società che si scandalizza e condanna le azioni di Rhys – ma è costretta a tollerarlo perché è un duca – e sotto sotto è consapevole e “complice” dei suoi “sbagli”, e gli si fa incontro tra lo stupore di tutti,  in una scena da palpitazioni di cuore (molto più di quanto possa essere una scena d’amore) e anche una certa dose di commozione, sancendo così quel sentimento che li unisce e che riuscirà a vincere qualsiasi ostacolo.

Con uno stile elegante e scorrevole la Heath ci fa vivere grandi emozioni, e i suoi libri pur nella semplicità delle storie, lasciano davvero la sensazione di aver letto qualcosa di bello ed emozionante.

Come ho già detto è una delle mie autrici preferite, ma dei tanti suoi libri,pochi sono stati tradotti qui in Italia. Ma, -notizia di qualche giorno fa – sembra che a gennaio  I Romanzi Mondadori pubblicheranno un altro suo romanzo finalmente tradotto, che ha anch’esso un collegamento con questo: infatti i protagonisti saranno Grayson  il fratellastro di Rhys e patrigno di Lydia, e Abby-la madre della ragazza-che qui in questo romanzo abbiamo già conosciuto felicemente sposati e con altri figli.  Stavolta ci troveremo dall’altra parte dell’Oceano, a Fortune (così come era avvenuto per “Prendimi e portami via”) e credo che anche questo, come gli altri libri di questa brava autrice sarà una piacevole lettura.

Published in: on 25/11/2012 at 14:13  Lascia un commento  

Il destino in una stella,Miriam Formenti -L’angolo del romance

TRAMA: Di ritorno da una missione diplomatica nello Stato Pontificio, il maggiore Riccardo Rubino Leoni è oggetto di uno scambio di persona e gli vengono rocambolescamente affidati una ragazza sotto l’effetto del laudano e un incarico molto insolito. Nottetempo, la giovane crede di vivere in un sogno con l’uomo che ha da sempre desiderato, e riesce a coinvolgere nella propria passione chi le sta accanto. Solo all’alba, nuda su un pagliericcio e di nuovo in sé, Stella si rende conto di essere stata rapita e posseduta, e riesce a darsi alla fuga. Ma nella Milano del XVIII secolo, pur fra mille intrighi e menzogne, il destino ha in serbo ben altri scenari per un amore che non poteva sapere di avere un futuro…

Uscito da pochissimi giorni per i Romanzi Mondadori,torna con un romanzo eccezionale una delle mie “penne nostrane” preferite,ovvero la bravissima Miriam Formenti,che ho imparato ad apprezzare e conoscere con i suoi precedenti romanzi storici ; “Capelli di luna”, “Un uomo da odiare” (vere e proprie pietre miliari del romance storico italiano) e “Isabella per sempre”. Come i libri precedenti anche questo non ha deluso le aspettative e l’ho trovato veramente bello!!!

Abbandonate le ambientazioni medievali,questa volta siamo trasportati nella Milano di fine ‘700,dove  troviamo un’eroina molto sfortunata,costretta ad un matrimonio d’interesse a soli 15 anni con un uomo spregevole, da una crudele (per essere gentili :p )sorellastra che non vede l’ora di liberarsi di lei,ed un eroe,un po’ meno duro dei precedenti uomini che la Formenti ci aveva regalato,ma pur sempre un uomo d’onore,con le sue sfaccettature,i suoi timori e tormenti interiori,ma più “cavalier servente” rispetto ai suoi precedenti eroi.

Stella invece è una donna che ha dovuto subire un matrimonio umiliante,e il vecchio e crudele marito le gioca un brutto scherzo pur di riuscire ad avere l’agognato erede.L’unica sua consolazione è sognare ad occhi aperti guardando un quadro di un antenato del principe suo marito,che lei vede come un cavaliere di altri tempi desiderando di avere accanto un uomo bello come quello. Il destino però ci mette più volte lo zampino e fa si che Stella e Riccardo dopo il primo casuale incontro si ritrovino,e si innamorino,anche se la fortuna di Stella,rimasta intanto vedova, di aver trovato un così brav’uomo(che nel frattempo è diventato marchese e uno dei nobili più ambiti di Milano dopo la morte del fratello maggiore)non va giù a quella vipera delle sorella che cercherà in tutti i modi di farle del male. Tra equivoci nati in una strana notte,verità dette e non dette, e a causa di  trame ordite da una donna cattiva e gelosa, e di un quadro che sfortunatamente somiglia a qualcuno a cui non dovrebbe,Stella e Riccardo rischiano di perdersi,ma fortunatamente l’amore sarà più forte di tutto. Il bello dei romanzi della Formenti è quello di farci assaporare personaggi ben delineati,mai banali,e non solo per quanto riguarda i protagonisti,ma anche i personaggi secondari come ad esempio i fedeli servitori,la sorellastra cattiva,o le gran dame della società,a volte pettegole e infide e altre volte vere signore al di là del lignaggio come la nonna di Riccardo, dandoci veramente uno spaccato di vita e di umanità varia. Ma sa anche intessere storie d’amore intense,emozionanti e sofferte,con quel pizzico di “suspence” che ci fa anelare che tutto finisca per il meglio e divorare pagina dopo pagina,il tutto descritto in maniera fluida,mai troppo ridondante,creando una sinfonia perfetta che si dipana lungo le pagine dandoci la sensazione di trovarci di fronte a qualcuno che sa usare davvero bene la penna e non solo per riempire pagine e pagine di parole e di personaggi stereotipati senza il minimo spessore. Quando leggo i romanzi della signora Formenti non riesco a non emozionarmi e a non rimaner coinvolta nelle sue belle storie,dispiacendomi persino una volta finite!Quindi appassionate di romance,se ancora non siete passate in edicola,fatelo subito,perché “Il destino in una stella” vi sta aspettando per farvi sognare! 😀

 

Published in: on 10/11/2012 at 15:24  Comments (1)