L’aquila di Roma-La rivolta di Boudicca Rievocazione storica 28-29-30 settembre Villa Pamphili+Mostra:Le armi dei romani

Si tratta di una manifestazione che si terrà il week end del 28-30 settembre a Roma,in Villa Pamphili. Nel link seguente  L’aquila di Roma-La rivolta di Boudicca troverete il programma dell’evento,e nei giorni successivi,se tutto va bene e le condizioni meteo permettono anche qualche foto dell’evento e il racconto della sottoscritta.

Come promesso eccomi qua per raccontarvi qualcosa sull’evento di cui vi avevo parlato.Allora per prima cosa devo dire che mi aspettavo qualcosa di diverso,sono rimasta un po’ delusa soprattutto dall’organizzazione dell’evento.Devo dire che la prima impressione che ho avuto entrando nella zona della villa dove si trovava la manifestazione è che la cosa fosse molto dispersiva.Inoltre gli eventi programmati e riportati sul sito sono stati spostati di orario e lì anche chi doveva dare informazioni non sapeva bene dove e quando si svolgevano gli eventi.Dopo un attimo di smarrimento però io e le mie amiche ci siamo fatte un giro tra le tende dei due accampamenti,quello dei celti e quello dei romani,e devo dire che ad ogni tenda qualcosa da vedere e da imparare c’era,come le ricostruzioni delle armi,dei cibi che mangiavano,dei tessuti e i capi di abbigliamento.Tolto questo però le rappresentazioni ,come il sacrificio del Legionario e l’accensione del fuoco sacro mi hanno molto deluso,anche perchè non si capiva dove dovevano farli,prima mandavano da una parte poi dall’altra,e inoltre non c’era nessuno che spiegasse e facesse un minimo di introduzione.Forse oggi la rievocazione della battaglia sarà stata migliore e meglio organizzata,ma alla fine ho deciso di non tornarci,scoraggiata anche dal mal tempo.

La giornata però è stata salvata da un bel giro a Villa Pamphili in compagnia di due amiche.

La mattina invece ,tanto per restare in tema di antichi romani,ero andata a vedere una mostra sulle armi dei romani al museo delle Mura, a porta San Sebastiano.La mostra era una ricostruzione di tutte le armi dei soldati romani,dei gladiatori,con tutto il loro armamentario e i vari ornamenti.Devo dire che questa mostra mi è piaicuta molto,l’unica pecca è che c’erano davvero pochissimi pannelli esplicativi di ciò che si era andati a ricreare nelle varie teche.Inoltre oltra alla mostra è multo bello anche il sito che sorge nella Porta San Sebastiano ,porta che sia apre sulle Mura Aureliane.Il museo è piccolino,ma ben tenuto e per quanto riguarda la storia delle mura,della porta ecc,qui si ci sono molti panelli piuttosto esaustivi.E’ molto bello anche il percorso che si fa per arrivare alla terrazza da dove si gode una bella vista su Roma e sul parco dell’Appia Antica.Purtroppo invece,a causa dei recenti crolli,è chiuso il camminamento sulle mura Aureliane e purtroppo non si ha idea di quando verrà rieperto.

Qui il link della mostra e del sito con tutte le indicaxioni:

http://www.museodellemuraroma.it/mostre_ed_eventi/mostre/le_armi_dei_romani_ricostruzioni_dalla_fine_del_i_secolo_d_c_al_iv_d_c

le foto qui sotto per la maggior parte sono dedicate alla mostra,che secondo me è davvero carina e interessante, e solo poche all’evento di Villa Pamphili pe rle cose più interessanti.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Annunci
Published in: on 26/09/2012 at 17:30  Comments (3)  

The URI to TrackBack this entry is: https://angolinodichiara.wordpress.com/2012/09/26/laquila-di-roma-la-rivolta-di-boudicca-rievocazione-storica-28-29-30-settembre-villa-pamphili/trackback/

RSS feed for comments on this post.

3 commentiLascia un commento

  1. Gent.le sig. Franchetti come può vedere in questo blog non c’è alcuna censura e nessuna attività
    volta a screditare l’evento(sinceramente non ne vedrei il motivo). I commenti vengono semplicemente messi in “coda” e aspettano l’approvazionedella sottoscritta.Il fatto che siano apparsi solo ora è molto semplice da spiegare:avendo un lavoro ed altre incombenze
    da svolgere nella vita quotidiana,dedico al mio blog i ritagli di tempo libero e quindi a volte possono passare anche dei giorni prima di leggere i commenti.
    Comunque mi ha fatto piacere leggere la sua replica e le sue spiegazioni e come lei ha giustamente fatto notare il diritto di replica è sacrosanto e non avevo alcun motivo di bloccare il messaggio.
    Così come penso sia sacrosanto anche esprimere un’opinione pura e semplice come io ho fatto,senza voler in alcun modo offendere o screditare il vostro lavoro e la vostra passione. Avendo già assistito (e ne ero rimasta colpita piacevolmente )ad altre manifestazioni del genere a cui hanno partecipato gli stessi gruppi presenti a questa manifestazione(che poi l’organizzazione non sia la stessa questo non so dirlo,quindi mi scuso se faccio paragoni senza sapere,ma essendo gli stessi gruppi a partecipare,presumo che gli organizzatori siano più o meno gli stessi),avevo grandi aspettative vedendo il programma e il lavoro fatto nel sito della manifestazione,tanto è vero che con piacere avevo anche pubblicizzato la cosa sul mio blog.
    Avendo appunto certe aspettative dovute ad esperienze positive nel corso di quest’anno(come gli eventi del Natale di Roma ad esempio o quelli della festa de Noantri) , sono rimasta un po’ delusa da un evento che aspettavo da tempo(mi creda è da un mese che mi stavo organizzando con le amiche per venire a vederlo)ed ho semplicemente espresso un
    mio parere,in maniera tranquilla ed educata,senza voler screditare o danneggiare nessuno,perchè non avrei alcun motivo.Ciò non toglie il fatto che pur con tutte le sue spiegazioni continuo a ritenere che l’evento poteva essere gestito in altro modo,ma mi rendo conto,e se ne discuteva anche sabato con le mie amiche,che tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare,e ovviamente noi “esterni” possiamo solo dare dei giudizi estemporanei non sapendo come stanno le cose all’interno della macchina organizzativa e quante difficoltà possano esserci(anche se le possiamo immaginare)per un evento così grande,he tra l’altro ritengo che sia stato anche poco pubblicizzato e già questa è una penalizzazione,perchè questi eventi meriterebbero davvero più spazio nella nostra splendida città.
    Però come lei fa notare in effetti io gestisco solo un blog.ma allo stesso tempo sono stata una friutrice esterna di questo evento,e ripeto,le sensazioni che ne ho tratto sono state quelle che ho voluto riportare nel mio articolo(ma non definerei i miei scritti articoli,piuttosto “pensieri,opinioni”,mettetela come volete),sopratutto riguardo le rappresentazioni,che continuo a credere abbiano bisogno di un’introduzione-così come era avvenuto ad esempio durante un altro evento a cui ho assistito questa estate alla festa di Noantri in cui c’erano delle introduzioni su quello che si andava a vedere(senza bisogno di scomodare Pippo Baudo,una persona in costume che fa una sorta di introduzione e spiegazione storica soprattutto per i profani,perchè c’erano alcune persone che non sapevano proprio di cosa si stesse parlando e sembrava più una cosa ad uso e consumo vostro.Fortunatamente avendo una laurea in lettere un po’ di storia romana la mastico e quindi sapevo cosa si stava mettendo in scena),mentre ho trovato piacevoli ed esaustive tutte le spiegazioni che abbiamo trovato alle varie tende dei due campi,con persone preparate ed appassionate che ci illustravano la loro “arte”.Gli eventi poi non sono stati spostati “di poco” come dice lei,perchè sul sito internet erano riportati degli orari,mentre sul volantino che ci è stato dato lì ce n’erano degli altri e non credo che i volantini siano stati stampati lì per lì seguendo il meteo del momento.Quindi se qualcuno ,faceva riferimento agli orari del sito internet si sarebbe trovato con orari differenti. Questo per puntualizzare ciò che lei ribatte.
    Se lei ritiene che questo articolo possa essere offensivo mi basta un clic per toglierlo,a me non ne viene in tasca niente,visto che il blog lo gestisco per puro piacere personale e senza altri scopi,ed ho voluto semplicemente esprimere un’opinione su una cosa che non mi aveva del tutto soddisfatto così com potrei scrivere un pare su un libro o un film che non mi son piaciuti.
    In ogni caso nel mio blog,un confronto civile e uno scambio di opinioni sono sempre graditi proprio come lo sono stati i suoi commenti e le sue spiegazioni.
    Grazie e saluti.

  2. Salve, ho lasciato un commento abbastanza articolato a quello che viene scritto qui sopra ma non ne vedo traccia.
    Spero sia in fase di “approvazione”. Ricordo alla sig.ra Chiara che il web rientra nelle norme e leggi dell’editoria a ogni livello pertanto quando si fanno articoli come quello sopra esiste il “diritto di replica”, da me espresso nel commento inserito di cui però non vedo traccia.
    Avendo circostanziatamente risposto a ogni critica a questo punto non mi resta che pensare che ci sia una manovra da parte di chi scrive a screditare il nostro evento.

    Saluti
    Giorgio Franchetti
    Presidente Associazione Culturale SPQR

  3. Buongiorno, sono l’organizzatore dell’evento L’AQUILA DI ROMA – LA RIVOLTA DI BOUDICCA e vorrei replicare a quanto leggo perchè non rende assolutamente giustizia al nostro lavoro.
    Gli eventi sono stati VOLUTAMENTE spostati di poco nell’orario per via delle condizioni meteo che non promettevano niente di buono.
    Inoltre, le rievocazioni storiche, in quanto tali, e non teatrali, non vengono mai spiegate al pubblico nella maniera che uno si aspetterebbe; in quanto sono eventi nei quali si vuole regalare l’emozione e la suggestione del passato e certo non poteva uscire il Pippo Baudo della situazione a spiegare il rito mentre era in corso o prima. Il rito ha una sua magia ed essenza in quello che è… E basta. Per quanto concerne il “dispersivo”, la signora Chiara che conduce questo blog evidentemente non si è accorta della presenza di 240 persone in costume romano e celta, perfettamente abbigliati e ricostruiti. La dispersione che dice, è frutto anche e soprattutto della necessità, per ordine pubblico, di non accatastare tutte le persone, i campi e ovviamente l’offerta didattica in pochi metri per evitare assembramenti pericolosi di pubblico, composto in buona parte da bambini. Tenere un blog è una cosa, organizzare eventi dove si aspettano migliaia di persone è tutt’altro. L’anno scorso il tutto era più concentrato e abbiamo avuto dei problemi a gestire le 25.000 unità venute al parco. Quest’anno ci aspettavamo almeno il doppio di pubblico, bloccato per via del tempo ma certo noi, quando a febbraio abbiamo dovuto presentare il progetto e la richiesta di permessi, non potevamo saperlo.. Ok? Spero di essere stato esaustivo, un conto è tenere un blog, un conto organizzare eventi, con quello che questo comporta… Saluti
    Giorgio Franchetti
    Presidente Associazione Culturale SPQR


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: