Once upon a time:le fiabe non sono mai state così reali.

Natale, si sa, è tempo di fiabe che si raccontano ai bambini davanti ad una bella tazza di cioccolato caldo o si guardano in tv nei giorni di festa. E proprio la sera di Natale,domenica 25 dicembre su Sky Fox,arriva in Italia la serie più fiabesca dell’anno che grande successo ha riscosso in America:Once upon a time(che sarà tradotto in italiano con il classico C’era una volta… )

Ma non lasciatevi ingannare:le fiabe in Once upon a time non sono come quelle che conosciamo!!!

Immaginiamo una cittadina nel Maine,Storybrook,dove tutti gli abitanti hanno una loro vita.C’è chi fa la maestra,chi fa lo sceriffo,chi gestisce una pensione…ma in realtà queste persone non sono chi credono di essere:loro infatti sono i personaggi delle fiabe che abbiamo imparato a conoscere da piccoli, Biancaneve,Il Principe Azzurro,La Regina Cattiva,Cappuccetto Rosso ecc .L’unico problema è che queste persone non sanno realmente chi sono e vivono in questa realtà totalmente fittizia a causa di una maledizione lanciata nel loro mondo dalla regina cattiva.Solo un bambino, Henry,figlio del sindaco della cittadina,grazie al suo libro di fiabe dove è raccontata la storia di tutti i personaggi,sa la verità e vuole cercare di far “tornare la memoria” a tutti gli altri.Per farlo dovrà cercare l’unica persona scampata alla maledizione ovvero la piccola Emma,che fu messa in salvo da suo padre, il Principe, in un armadio magico e trasportata nel nostro mondo.

Emma nel nostro mondo è niente di meno che la madre biologica di Henry,che ha dato in adozione al momento della nascita perchè troppo giovane per crescerlo.Secondo il bambino solo Emma può salvare Storybrook ,spezzare la maledizione e rendere a tutti gli abitanti la loro vita e la loro reale identità. E infatti quando da quando Emma arriva in città iniziano ad accadere cose strane e a cambiare alcune situazioni…

Questa più o meno la trama a grandi linee di questa serie tv che oltre oceano ha guadagnato grossi consensi di pubblico rivelandosi probabilmente la serie dell’anno. Attingendo liberamente alla tradizione popolare e mescolando elementi mitologici e fiabeschi la serie ci fa vedere le fiabe da un punto di vista diverso e ahimè purtroppo non sempre con il lieto fine(come è accaduto nell’ ultimo episodio  prima della pausa invernale,ma non voglio anticipare nulla a chi non l’ha visto),cambiando anche alcuni aspetti delle fiabe classiche che noi conosciamo.Dimenticatevi infatti le dolci fiabe della Disney e piuttosto lasciatevi trasportare in un mondo più simile alle fiabe popolari che spesso avevano elementi gotici e paurosi,ma rimaneggiato e rivisto ulteriormente con elementi nuovi come ad esempio un’aspra rivalità tra Biancaneve e la Regina o la dolce Biancaneve che si trasforma in una sorta di Robin Hood,Il Principe che non è propriamente un principe,il Cacciatore che viene allevato dai lupi e tante altre piccole grandi novità 🙂 E’ bello,durante il corso delle puntate cercare di indovinare a quali personaggi delle fiabe corrispondano gli abitanti di Storybrook e seguire le loro storie.C’è da dire che non tutti tutti gli abitanti di Storybrook hanno perso la memoria,infatti il cattivo sindaco Regina(che non è altri che la Regina cattiva che ha lanciato la maledizione) sembra sapere ben molte cose e ricordare tutto e quindi cercherà in tutti i modi di osteggiare Emma.

La serie si bilancia perfettamente tra mondo reale e mondo fiabesco e secondo me proprio quest’ultimo è il punto di forza con splendidi scenari e costumi,ma anche atmosfere gotiche e rarefatte che ci conducono in un mondo senza tempo.

Nonostante lo scetticismo che aveva preceduto la serie devo dire che le sue carte fino ad ora se le è ben giocate,tenendo sempre lo spettatore con un certa suspence che dura fino a fine episodio.Inoltre ai fan più attenti e a quelli che hanno seguito la serie Lost, non saranno certamente sfuggite certe affinità,probabilmente dovute al fatto che gli sceneggiatori  della serie,Adam Horowitz ed Edward Kitsis, sono gli stessi del telefilm cult.Tanto per citarne un paio:la dinamica dei flashback del mondo fiabesco,il fumo nero della maledizione,i piccoli indizi sparsi qua e la nel mondo reale..insomma alzi la mano chi non li ha notati e non ha rivangato subito alcuni ricordi “lostiani”?

Insomma,insieme a questi punti di forza uniti ad un ottimo cast che si districa tra personaggi fiabeschi e reali,questa è una delle serie più riuscite di questa stagione televisiva.Sperando che abbia lo stesso successo in Italia e che continui su questa buona strada ,non ci resta che attendere e vedere come prosegue la storia,quali altri personaggi incontreremo e in quali altre fiabe saremo trasportati…e se ci sarà o no il tanto agognato… e vissero flici e contenti.

Buona visione!!!

 

Il trailer originale con sub in italiano:

Annunci
Published in: on 19/12/2011 at 20:17  Lascia un commento  

The URI to TrackBack this entry is: https://angolinodichiara.wordpress.com/2011/12/19/once-upon-a-timele-fiabe-non-sono-mai-state-cosi-reali/trackback/

RSS feed for comments on this post.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: