Giornata di primavera del FAI

Il 27 e 28 marzo si sono tenute come ogni anno le Giornate di Primavera del FAI(il Fondo Ambiente Italiano).Siccome quest’anno i monumenti aperti erano tutti l’uno distante dall’altro bisognava attuare un piano ben congeniato per cercare di vederne il più possibile cercando di evitare file chilometriche..cosa riuscita per metà.
E così sono partita sabato intorno all’una con un panino nella borsa e mi sono recata all’Aventino dove la prima visita è stata,dopo solo una ventina di minuti di fila, all’Istituto Nazionale di Studi Romani che si trova sulla bellissima P.za dei Cavalieri di Malta proprio accanto al famoso portone dal cui buco della serratura si vede la cupola di San Pietro.Già solo il posto in cui sono situati questi monumenti è semplicemente meraviglioso.L’istituto ha sede in un ex convento del VII secolo uno dei più importanti centri monastici della Roma medievale.Il cuore del convento è il chiostro cinquecentesco da dove si accede anche ad una splendida loggia che si affaccia sul Tevere e su Roma donandoci un panorama mozzafiato.Il piano nobile del palazzo è occupato invece dall’appartamento reale di Carlo IV  di Borbone che ne fece la sua residenza estiva durante un periodo di esilio dopo l’occupazione napoleonica.L’Istituto ha restaurato la sua sede ridando l’entico splendore ai preziosi pavimenti decorati in marmi policromi e le volte decorate da pitture in stile pompeiano e scene mitologiche.Finita questa interessante visita dopo aver fatto un salto nella bellissima basilica di Santa Sabina e al Giardino degli Aranci sono scesa a lungotevere e con l’autobus sono andata a palazza Cesi,nei pressi di Piazza Navona.Anche qui la fila è stata,fortunatamente,esigua una ventina di minuti.Questo palazzo attualmente è sede del tribunale militare,ma è famoso per essere stata la sede dell’Accademia dei Lincei fondata nel 1603 da Federico Cesi,accademia che ha avuto tra i suoi soci anche Galileo Galilei e Giacomo della Porta.
Due visite molto belle e interessanti ,la prima per la bellezza del luogo,la seconda per la bravura della guida,una ragazza che ricordo di aver avuto già occasione di incontrare in queste visite guidate ,e che è davvero molto brava.
Il pomeriggio è proseguito con una lunga passeggiata con le mie amiche capre che si trovavano in centro con dei loro amici.Tornata a casa,piuttosto stanca,mi sono goduta un pò di tv e poi sono andata a dormire,per prepararmi all’avventura dell’indomani.
Infatti la domenica mattina mi sono svegliata intorno alle 8 e verso le 8.30 sono uscita per andare a Palazzo Chigi.E li la sorpresa:onestamente non credevo di trovare a quell’ora così tante persone e invece si prevedeva una fila molto molto lunga.Ormai c’ero ed era un peccato rinunciare così mi sono messa in fila:tre ore esatte prima di poter entrare.Però ne è valsa la pena,abbiamo fatto una bella visita(non molto lunga,una mezz’ora) abbiam visto lo studio del presidente del Consiglio nella Galeriola Dati con il magnifico soffitto decorato,i vari saloni e la Biblioteca Chigiana.
Leggermente stanca,ero indecisa se tornare a casa o andare a via Nazionale a vedere l’ultima cosa che mi ero prefissata,il Villino Huffer.Era quasi ora di pranzo così ho fatto una pausa da Mac,un bel caffè e verso le due mi sono messa di nuovo in fila.Anche qui per fortuna,sembrava più lunga invece dopo una mezz’ora sono entrata.Il Villino Huffer attualmente è la sede dell’archivio storico della banca D’Italia.E’ stato costruito tra il 1880 e il 1883 su commissione di Wilhelm Huffer,un ricco importatore di tabacco tedesco,che insieme a sua moglie Costanza Grabau,dopo essersi trasferito a Roma fu uno dei protagonisti della vita mondana dell’epoca.Nel suo villino si tenevano grandi feste ,nel bellissimo salone da ballo dalla ricca decorazione di sapore barocco,feste che ci vengono narrate anche da D’Annunzio.Attorno al salone le altre sale,come lo studio privato di Costanza,Il salotto rosso,tutti decorati in maniera sontuosa e con caminetti di manifattura francese.Interessante anche lo scalone d’onore che ci portava dal piano terra la piano nobile.
Anche questa visita molto bella e molto dettegliata grazie alla bravissima guida.Finito,stanca ,ma contenta per le bellezze visitate sono tornataa casa..ascoltando la partita alla radio:a conclusione della bellissima giornata(anche dal punto di vista meteo) la vittoria della Juve,finalmente,e un bellissimo gol su punizione del capitano Cuore rosso
 
Aventino,Istituto Nazionale di Studi Romani
Palazzo Cesi,Tribunale Militare
 
Villino Huffer
Annunci
Published in: on 29/03/2010 at 20:38  Lascia un commento  

The URI to TrackBack this entry is: https://angolinodichiara.wordpress.com/2010/03/29/giornata-di-primavera-del-fai/trackback/

RSS feed for comments on this post.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: